Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Virtus Francavilla-Trapani 2-0, granata ko
La sconfitta arrivata dopo dieci risultati utili

La squadra di Calori cade a Brindisi contro i biancazzurri che giocano una gara ordinata ed equilibrata. Succede tutto nel finale, dopo il rigore parato da Furlan ad Anastasi, con le reti di Biason e Madonia che puniscono i siciliani. E il Lecce scappa a +5

Luca Di Noto

Foto di: sito ufficiale Trapani calcio

Foto di: sito ufficiale Trapani calcio

Dopo dieci risultati positivi di fila, si ferma in Puglia la marcia del Trapani che a Brindisi cade contro la Virtus Francavilla per 2-0. I granata lasciano così per strada punti importanti e perdono terreno nei confronti del Lecce che batte la Reggina e vola a +5. In Puglia, mister Calori ha dovuto fare a meno di due elementi indispensabili come il regista Corapi e l’esterno Marras, ma anche dell’attaccante Campagnacci.

I padroni di casa cominciano meglio, provandoci con Partipilo e Triarico. I siciliani faticano ad affacciarsi in avanti, ma lo fanno intorno al 20’, quando un colpo di testa di Evacuo costringe Albertazzi a salvarsi in qualche modo. Pagliarulo salva i suoi, poco dopo, con una chiusura decisiva su Monaco, mentre Furlan intorno alla mezz’ora blocca un colpo di testa di Maccarrone. Prima dell’intervallo, due buone occasioni per i granata con Pagliarulo (palla a lato di un soffio) e Palumbo, il cui tiro dalla distanza finisce sul fondo.

Nella ripresa, la squadra siciliana ci prova con Murano ed Evacuo, i cui tentativi però non impensieriscono più di tanto Albertazzi. Lo stesso Murano va vicinissimo alla rete al 64’ con un diagonale che termina appena largo. Un minuto dopo, l’episodio che può cambiare il match, con l’arbitro che concede un rigore ai pugliesi per un tocco di mano in area di Fazio: sul dischetto va Anastasi, ma Furlan respinge la conclusione. Il risultato si sblocca però all’81’ con una fuga sulla destra di Partipilo che mette in mezzo per Biason, il quale deve solo spingere in rete. Il Trapani non riesce a reagire e, dieci minuti dopo, è Madonia a chiudere i conti dopo aver saltato Silvestri e ubriacato con le sue finte Rizzo.

Le pagelle

Furlan 7 Torna in campo dopo aver smaltito l’infortunio che lo ha tenuto fuori nella vittoria di misura con il Matera. Al di là del risultato, tiene i suoi momentaneamente in corsa con il rigore parato ad Anastasi.

Drudi 6 Prova sufficiente per il difensore che chiude bene gli spazi e si becca un giallo per aver steso Partipilo, lanciato in contropiede. Nell’occasione resta infortunato ed è costretto a uscire. Dal 61’ Minelli 5 Entra in campo anche per dare un assetto più offensivo, ma sembra quasi impalpabile.

Pagliarulo 6,5 Nel primo tempo è decisivo con una chiusura fondamentale su Monaco in area di rigore. Nella ripresa, il capitano gestisce bene la difesa ed è sostanzialmente incolpevole sui gol.

Silvestri 5 Protagonista negativo in occasione dei due gol che decidono il match: prima lascia troppo campo ad Albertini che può mettere in mezzo per Biason. Poi, sbaglia l’intervento lasciando campo libero a Madonia.

Fazio 5,5 Schierato largo a destra al posto di Marras, gioca una gara ordinata e sicuramente meno offensiva del numero 26 che è indisponibile. Sfortunato protagonista nell’episodio che porta al rigore per i pugliesi poi respinto da Furlan.

Scarsella 6 Prova sufficiente per il numero 6 granata che fa tanto lavoro sporco e che continuamente cerca di rendersi pericoloso con i suoi consueti inserimenti in avanti.

Palumbo 6 Schierato in cabina di regia per via dell’assenza di Corapi, prova a dare ordine e a impostare la manovra dei granata senza grossissimi risultati. Buona, però, la personalità grazie alla quale prova anche la conclusione.

Steffé 6 Una delle mosse a sorpresa di mister Calori, che lo preferisce al compagno di reparto Bastoni, il quale sembrava favorito alla vigilia. Prova positiva per lui. Dal 73’ Aloi s.v. Garantisce meno filtro a centrocampo rispetto al compagno a cui subentra.

Visconti 6 Tanto ordine e tanto equilibrio per l’esterno sinistro che alterna bene fase difensiva e fase offensiva. Nella ripresa deve arrendersi a un infortunio. Dal 78’ Rizzo 5 Entra male in partita. Prima sulla sua fascia parte Albertini che poi mette in mezzo per Biason. Poi si fa ubriacare da Madonia che realizza il 2-0.

Murano 5,5 Tanta buona volontà per il numero 11 granata che impensierisce in un paio di occasioni Albertazzi senza, però, riuscire a trovare la via del gol.

Evacuo 5,5 Prova incolore per l’esperto attaccante granata che prova la conclusione un paio di volte. La difesa biancazzurra però lo ingabbia e ha sempre la meglio. Dal 73’ Polidori s.v. Non riesce a incidere sul match.

Calori 5 Le assenze hanno inciso, e tanto, su una squadra che nell’ultimo periodo aveva acquisito tanta consapevolezza nei propri mezzi. Oggi, i granata non sono riusciti a scardinare una squadra ordinata e, alla fine, tornano a casa a mani vuote. Al di là delle assenze, però, non si possono lasciare punti per strada.

Virtus Francavilla: Albertazzi 6, Maccarrone 7, Prestia 6,5, Agostinone 6, Triarico 6,5 (94’ Mastropietro s.v.), Monaco 6 (85’ Lugo Martinez s.v.), Sicurella 6 (46’ Folorunsho 6), Biason 6,5, Pino 5 (75’ Albertini 7), Anastasi 5 (85’ Madonia s.v.), Partipilo 7. All. D’Agostino 7.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×