Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'inceneritore nella Valle del Mela, Musumeci a Gentiloni
«Sono contrario, bisogna ridurre inquinamento a Milazzo»

Il presidente della Regione ha scritto al premier per spiegare il motivi della propria opposizione alla realizzazione del termovalorizzatore che da tempo è al vaglio del governo nazionale. E assicura il proprio impegno per avviare al più presto un piano di riconversione industriale e di bonifica dei luoghi siciliani a rischio

Redazione

Alla fine la presa di posizione invocata è arrivata. Nello Musumeci ufficializza la propria contrarietà al termovalorizzatore che dovrebbe sorgere a San Filippo del Mela. Nei giorni scorsi, il presidente della Regione era stato criticato dal comitato no-inceneritore per l'eccessiva titubanza nell'affrontare una questione che da tempo è al vaglio del governo nazionale, dopo i pareri differenti ottenuti dalle commissioni ministeriali. Con il via libera di quello all'ambiente e il no del Mibact. 

«Ho espresso al governo centrale il mio parere contrario non perché abbia pregiudizi sugli inceneritori, contemplati e disciplinati dalle leggi dello Stato. Ma perché credo che quell'area del Milazzese debba ormai ridurre il pesante carico inquinante che sopporta da oltre mezzo secolo - si legge in una nota del governatore -. Alla delegazione dei sindaci della zona, che ho invitato a Palermo per oggi pomeriggio, chiederò di programmare, assieme al governo regionale, una decisa azione di rottura col passato sul fronte della tutela ambientale. Sono certo che nessuno si tirerà indietro».

Rivolgendosi al premier Paolo Gentiloni, Musumeci specifica che l'opposizione «scaturisce, a prescindere dalla circostanza che l’opera ricada o meno entro l'area di vincolo paesaggistico, dalla considerazione che quel territorio, da troppo tempo, subisce, per la presenza di poli industriali, un pesante degrado ambientale e del paesaggio, degrado divenuto ormai insostenibile». Ed è per questo che il presidente della Regione assicura il proprio impegno «affinché presto si dia avvio a un piano di riconversione industriale, di bonifica dei siti e di recupero dell'area, non solo del Milazzese, ma di ogni altro luogo siciliano ove insistono impianti di raffinazione e suscettibili di inquinamento».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×