Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Asp Enna, sequestro a società che gestiva il Cup
Avrebbe trattenuto oltre 443mila euro dai ticket

L'indagine nata in seguito a una denuncia dell'Azienda sanitaria provinciale ha portato alla scoperta di un sistema che avrebbe permesso ai gestori di fatto della M&G Call Center di fingere il versamento delle spettanze all'ente. Posti i sigilli a una villetta di oltre duecento metri quadrati. Tre gli indagati per peculato

Redazione

Sono accusati di avere tenuto le somme destinate all'Asp derivanti dal pagamento dei ticket da parte dei pazienti che si rivolgevano alle strutture sanitarie ennesi e per questo, oggi, è stato eseguito un sequestro preventivo di oltre 440mila euro. Protagonisti la legale rappresentante e i gestori di fatto della M&G Call Center srl, la società che da maggio 2012 a gennaio 2017 ha svolto il servizio di gestione del centro unico di prenotazione, del call center e della riscossione dei pagamenti per i trattamenti erogati dall'Azienda sanitaria provinciale. Gli indagati - una 42enne, un 33enne e un 30enne, tutti originari di Tremestieri Etneo, in provincia di Catania - sono accusati di peculato

L'inchiesta, coordinata dai magistrati Stefania Leonte e Massimo Palmeri e nata in seguito a una denuncia dell'Asp, ha portato a scoprire un ammanco di 685mila euro dalle casse dell'ente. Somma poi ridotta a 443mila, in seguito ad azione di recupero messe in atto dalla stessa azienda. Dalle verifiche fatte dalla guardia di finanza è emerso che «la società inviava regolarmente all’Asp copia delle disposizioni di bonifico, apparentemente regolarmente quietanzate; ma gli approfonditi controlli effettuati dal personale accertavano la totale mancanza di versamenti». 

A gestire le somme che sarebbero state trattenute sarebbero stati i gestori di fatto della M&G, anche pur non risultando soci. Nel corso dell'inchiesta, inoltre, sono emersi diversi contrasti tra gli indagati e gli altri membri della società che erano in disaccordo con i comportamenti tenuti. Oggetto del sequestro sono state una villetta di oltre duecento metri quadrati a Tremestieri Etneo, un orologio di lusso, un'utilitaria, le quote di diverse società e diversi rapporti finanziari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×