Chiudi ✖
15

Foto di Davide

Enna, indagine per truffa ai fondi per l'agricoltura
Nove arresti e 45 indagati, i terreni in tutta Italia

Redazione

Cronaca – La guardia di finanza e i carabinieri hanno eseguito 27 misure cautelari emesse dal gip del tribunale, nell'ambito di un'inchiesta durata due anni. Al centro dell'attenzione dei magistrati le attività dei centri di assistenza agricola, dove venivano presentate le richieste di contributo all'Agea

Nove arresti e un totale di 45 indagati. Sono questi in numeri dell'operazione condotta dai comandi provinciali dei carabinieri e della guardia di finanza di Enna nei confronti di persone accusate di avere percepito indebitamente contributi europei per l'agricoltura. I terreni che avrebbero beneficiato delle erogazioni dell'Agea si trovano sia in Sicilia che in altre regioni, per un totale di 25mila particelle catastali. L'inchiesta, denominata Maglie larghe, è iniziata nel 2015 ed è andata avanti due anni, portando gli investigatori a quantificare in oltre dieci milioni di euro il totale delle somme attirate da chi falsamente avrebbe dichiarato la titolarità di terreni, in qualità di proprietario o affittuario, con l'unico intento di accaparrarsi i fondi.

Il gip del tribunale di Enna ha accolto le richieste dei magistrati, che accusano gli indagati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, ricettazione, riciclaggio, autoriciclaggio e falso. Ventisette le misure di custodia cautelare emesse, di cui nove arresti domiciliari e 18 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria. Altre 18 persone sono indagate a piede libero. A partecipare all'operazione sono stati oltre 150 militari. Nel mirino degli inquirenti ci sono diversi operatori dei centri di assistenza agricola, accusati non solo di avere omesso i dovuti controlli sulle pratiche presentate dagli indagati, ma anche di avere fatto parte del sistema fraudolento. Sequestrato un patrimonio complessivo di circa dieci milioni di euro.

Le misure cautelari.
Arresti domiciliari

1. CAMMARATA Antonio, nato il 23.10.1983 a Capizzi
2. PERGOLA Fulvio Valentino, nato il 17.09.1968 a Enna
3. AMORUSO Carmelo, nato a Nicosia il 03.06.1969
4. IRACI SARERI Antonino, nato il 4.04.1973 a Catania
5. MILITELLO Giuseppe Alessandro, nato il 2.01.1973 a Troina
6. FASCETTO Salvatore, nato il 23.01.1984 in Germania
7. FASCETTO Tommaso, nato il 3.11.1938 a Capizzi
8. IRACI SARERI Mario Antonino, nato il 25.01.1950 a Capizzi
9. ZUCCARA’ Giuseppe, nato il 2.04.1963 a Capizzi

Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

10. CAMMARATA Salvatore, nato il 25.01.1994 a Enna
11. LA PAGLIA Salvatrice, nata il 30.09.1962 a Enna
12. PERGOLA Mario Angelo Antonio, nato il 3.04.1956 a Enna
13. POLLACCIA Filippa Lucia, nata il 25.09.1971 a Enna
(moglie di PERGOLA Fulvio Valentino)
14. MAMMANO Aurora, nata il 12.09.1978 a Nicosia
15. TROVATO Vincenzo, nato il 20.07.1978 a Nicosia
16. CATALANO Maria Sebastiana, nata il 28.11.1981 a Catania
17. GALLERIA Cinzia, nata il 18.02.1970 a Piazza Armerina
18. SICULIANO Antonina, nata l’8.09.1946 a Piazza Armerina
19. STECCATO VATTUME’ Nadia, nata a Dieburg (Germania) il 25.08.1987
20. BUTTACCIO TARDIO Alessandro Giacomo, nato il 3.04.1975 a Catania
21. BUTTACCIO TARDIO Antonino, nato il 12.04.1971 a Capizzi
22. PARASUCO FORTURELLA Maria Linda, nata il 10.01.1962 a Capizzi
23. PRINZO Giacomo, nato il 20.12.1973 a Catania
24. SCAMINACI RUSSO Francesco, nato il 25.01.1991 a Mistretta
25. ZUCCARA’ Francesco, nato il 2.03.1988 a Nicosia
26. LOMBARDO PONTILLO Giuseppe, nato a Messina il 26.01.1982
27. FARANDA Daniele Antonino, nato l’11.11.1975 a Sant’Agata di Militello