Chiudi ✖
15

Basket, l’Orlandina espugna il parquet di Sassari
In A2 sconfitte fuori casa per Agrigento e Trapani

Luca Di Noto

Sport – La squadra di coach Di Carlo ottiene un’importantissima vittoria sul campo dei sardi e si porta a ridosso dei play off. In A2 sconfitte per entrambe le siciliane, mentre nel femminile turno di riposo per gli impegni della Nazionale

Si sono giocate nel week end le gare che hanno visto impegnate le squadre siciliane di basket.

Serie A
Banco di Sardegna Sassari-Betaland Capo d’Orlando 81-88
Successo esterno molto importante per l’Orlandina che espugna il parquet di Sassari portandosi a quota sei punti, a ridosso della zona play off. Buona partenza dei siciliani con i punti di Delas e Atsur, ma i sardi rispondono con Hatcher e Pierre che trovano il pari a quota 7. Randolph e Jones portano avanti i padroni di casa, ma prima della sirena ci pensa Edwards a realizzare il 18-19. Nella seconda frazione Ikovlev fa volare i biancazzurri sul +9, dall’altra parte Hatcher e Bamforth rispondono, ma i siciliani sono implacabili anche grazie a Delas. La Dinamo trova punti importanti con Spissu, ma la squadra di Di Carlo arriva a metà gara sul 38-47. Al rientro sul parquet, gli ospiti provano ad allungare e trovano la doppia cifra di vantaggio con i punti di Ikovlev e Atsur. Kulboka ed Edwards fanno volare la Betaland addirittura sul +18, ma la tripla di Bamforth vale il 56-71 alla terza sirena. L’ultimo quarto segna il nuovo allungo siciliano ancora con Ikovlev e Kulboka sul +16. Nel finale i sardi cercano una rimonta e si riavvicinano al -6, poi Alibegovic chiude la contesa dalla lunetta.

Serie A2
Novipiù Casale Monferrato-Pallacanestro Trapani 76-65
Ko per la formazione granata di coach Ducarello, sconfitti dai piemontesi, sempre più in fuga nel girone ovest. In avvio di partita sono Jefferson e Tomassini a rendere la partita vivace, Trapani conduce 4-6 e prova una prima mini-fuga, ma la Novipiù resta sempre incollata nel punteggio. I granata chiudono così il primo quarto sul 12-15 grazie al canestro di Ganeto. Ritmi altissimi anche nella seconda frazione, con i punti di Ganeto e Severini. Testa realizza il punto del 21-25, poi Martinoni e Blizzard fanno la voce grossa e riportano Casale a contatto. I piemontesi reagiscono con Tomassini e a metà gara conducono per 35-30. Il terzo quarto è aperto dai canestri di Sanders e Jefferson, Casale scappa sul +5 ma i granata rispondono con la tripla di Jefferson, portandosi sul 41-40. Ganeto e Jefferson firmano il sorpasso sul 43-46, ma Casale risponde ancora una volta riportandosi avanti e alla terza sirena il punteggio è di 54-51. L’ultimo periodo parte in maniera equilibrata, Trapani può giocarsela ma i rossoblu alzano il muro difensivo. I granata segnano soltanto dalla lunetta e i padroni di casa ne approfittano per scappare. Sanders e Spizzichini così la chiudono sul 76-65.

Givova Scafati-Fortitudo Agrigento 83-76 Anche la squadra di coach Ciani torna sconfitta dalla trasferta sul parquet della formazione campana allenata da coach Perdichizzi. I padroni di casa iniziano a mille grazie ai punti di Sharrod e Miles, per i siciliani va a segno Zugno che tiene in corsa i suoi. La Givova però resta avanti e chiude il primo quarto sul 21-16. Nella seconda frazione di gioco, Ambrosin piazza da solo un break di 0-6 che vale il vantaggio biancazzurro sul 23-24. Dall’altra parte, Miles risponde allo stesso modo e così Scafati torna a condurre. I gialloblu restano avanti nel punteggio anche a metà gara, dove si arriva sul 42-38. Nel terzo periodo, i siciliani rientrano bene in campo e impensieriscono i padroni di casa portandosi anche avanti grazie a Williams e Ambrosin. Il sorpasso sul 46-49 dura però poco, infatti la Givova opera subito il controsorpasso e alla terza sirena il tabellone segna 57-54. L’ultimo quarto si apre con una tripla di Romeo, Scafati così vola a +6. A questo punto Sherrod prende per mano la sua squadra e i gialloblu raggiungono il massimo vantaggio sul +15. La Fortitudo prova una difficilissima rimonta e riesce a rendere meno amaro il passivo, chiudendo sull’84-76.