Chiudi ✖
15

Regionali 2017, i quattro eletti in provincia di Ragusa
Tre ex deputati e una faccia nuova: Campo, del M5s

Valentina Frasca

Politica – Sono stati tre testa a testa all'interno di altrettanti partiti: in Diventerà Bellissima ha prevalso Giorgio Assenza, nel Pd Nello Dipasquale e nel Movimento 5 stelle Stefania Campo. A loro si aggiunge Orazio Ragusa per Forza Italia. Ecco chi sono

Orazio Ragusa per Forza Italia, Giorgio Assenza per Diventerà Bellissima, Stefania Campo per il Movimento 5 Stelle e Nello Dipasquale per il PD: eccoli i quattro nuovi, si fa per dire, parlamentari che rappresenteranno la provincia di Ragusa all’Ars.

Di nuovo, in realtà, c’è davvero poco, ossia solo l’esponente dei pentastellati. Strabiliante il risultato dell’ex assessore alla Cultura del comune di Ragusa Stefania Campo che, con le sue 6.214 preferenze, priva l’uscente Vanessa Ferreri (5818 voti) della possibilità di fare il bis. Molti si ricorderanno di lei per la vicenda personale a seguito della quale rassegnò le dimissioni dalla giunta grillina guidata da Federico Piccitto. All’epoca fu addirittura lanciata una petizione on-line da alcuni cittadini per chiedere che fosse reintegrata. Una stima che adesso, a distanza di tempo, le viene nuovamente dimostrata sotto forma di migliaia di voti in tutta la provincia anche se, ovviamente, l’exploit si è avuto nel comune capoluogo. «Il Movimento 5 Stelle - ha commentato Campo - si riconferma tra i più importanti in provincia di Ragusa e ne sono felice, anche se abbiamo mancato l’obiettivo regionale e questo non può che rammaricare. Ma spero ora in un clima positivo e di collaborazione per il bene del territorio ragusano».

La battaglia all’interno di Forza Italia tra i due mostri sacri Giovanni Mauro (senatore e un lungo curriculum politico scritto tra Ragusa, Palermo e Roma) e Orazio Ragusa, che dall’Udc è passato tra le liste del partito di Berlusconi proprio in occasione di questa tornata elettorale, si è conclusa a favore di quest’ultimo. La vittoria di Ragusa è maturata, naturalmente, nella sua fedelissima Scicli dove ha raccolto quasi 2.200 voti, ma anche Modica gli ha ridato fiducia con ben 1.200 voti e da Ragusa, ovvero dalla casa del rivale, è uscito con 800 preferenze. Totale: 5315 voti che gli aprono le porte della quarta legislatura, mentre Mauro si ferma a 4.934. «Proseguirò nel mio impegno per questa terra – si è limitato a commentare nel messaggio di ringraziamento ai suoi elettori – così come ho sempre fatto».

Altra grande sfida iblea tra i due uscenti del PD Nello Dipasquale e Pippo Digiacomo. Sfida che si è risolta a favore del primo. L’ex sindaco di Ragusa ha racimolato 5.972 voti a fronte del collega comisano, anch’egli ex primo cittadino, che si è fermato a 4.827. La prima dichiarazione da sconfitto di Pippo Digiacomo arriva tramite sms: «E quindi non ce l’ho fatta. Così è la vita e la politica. Ma quanto è stato importante il vostro affetto e la vostra amicizia. Mi rende la sconfitta meno dolorosa». Nello Dipasquale, invece, si dice contento di tornare a rappresentare il suo territorio e la sua gente. «È stata una battaglia difficile. Il mio obiettivo è stato sempre quello di portare un valore aggiunto alla città di Ragusa e a tutta la provincia iblea. Ho lavorato in questi anni e i cittadini l’hanno compreso e mi hanno riconfermato. Sarò naturalmente, come sempre, a disposizione di tutti – ha concluso – per continuare a rappresentare le ragioni dell’area iblea a Palermo».

Si è risolta invece in favore dell’uscente Giorgio Assenza la sfida elettorale all’interno della lista Diventerà Bellissima, che nel Ragusano si è imposta e ha trascinato più che altrove. Assenza ha lasciato Forza Italia in estate proprio per aderire al movimento civico creato nel 2014 dal neo presidente della Regione Nello Musumeci, al quale lo lega una lunga e fraterna amicizia e che ha voluto celebrare anche nel suo messaggio di ringraziamento, ricordando come si sia speso in prima persona affinché tutto il centrodestra confluisse sul nome di Musumeci. «La politica deve riconquistare credibilità e con Nello Musumeci questo sarà possibile - ha commentato Assenza -. La Sicilia ha eletto oggi il suo miglior presidente. Ringrazio gli elettori per la fiducia che hanno riposto in me e posso assicurare a ciascuno che il mio impegno per la provincia di Ragusa, che ho cercato di profondere in questi cinque anni da deputato dell’opposizione, sarà ora ancor maggiore, quale deputato di maggioranza, al fianco di un presidente come Nello Musumeci, che potrà dare una svolta alle sorti della Sicilia».

Per Assenza 6881 voti, 5417 per Andrea Nicosia, in un testa a testa che ha visto il capoluogo ibleo nel ruolo decisivo di ago della bilancia in favore di Assenza. «È un risultato che mi lascia in bocca un sapore agrodolce quello uscito dalle urne di queste elezioni regionali. Dolce perché Nello Musumeci è il nuovo presidente e perché sono stato sommerso da una valanga di affetto e fiducia che si è tramutato in oltre 5.500 voti di preferenza personali in Provincia di Ragusa, 4.700 solo nella mia Vittoria e nella mia Scoglitti», ha commentato Nicosia. «Al rieletto onorevole Assenza - ha poi concluso - porgo i miei più sinceri auguri di buon lavoro, certo che sarà interlocutore dell’intero territorio ibleo».