Chiudi ✖
15

Foto di: Profilo Facebook Nuoto Catania

Pallanuoto Serie A1, domani doppio esordio
Torna Nuoto Catania, Orizzonte per lo scudetto

Giorgio Tosto

Sport – La piscina Francesco Scuderi farà da cornice al debutto stagionale delle due squadre catanesi di pallanuoto: la Nuoto Catania, tornata quest'anno nella massima serie, esordisce contro Brescia. Due ore prima toccherà alle ragazze di Martina Miceli cominciare un'annata che ha come obiettivo la conquista del Tricolore

Per Catania sarà un sabato ricco di appuntamenti sportivi di alto livello: il derby calcistico tra Leonzio e rossazzurri chiuderà la giornata, mentre nel pomeriggio la città etnea potrà godere di un antipasto di tutto rispetto. Le due squadre catanesi di pallanuoto esordiscono infatti in campionato davanti al loro pubblico, a distanza di sole due ore l'una dall'altra. Toccherà prima alle vice-campionesse d'Italia dell'Ekipe Orizzonte che, nella piscina Francesco Scuderi, sfideranno la neopromossa RN Florentia: successivamente sarà il turno dei ragazzi della Nuoto Catania, impegnati in un durissimo scontro con la corazzata Brescia, lo scorso anno sconfitta 13-6 da Recco nella finale per lo scudetto.

In casa Orizzonte si registra il grande entusiasmo del direttore sportivo Tania Di Mario che, contattata da MeridioNews, ha analizzato così la gara di domani: «Per me è la prima partita di campionato in cui non gioco, è una strana sensazione, mi sento emozionata. Le ragazze, invece, non vedono l'ora di cominciare, i presupposti sono buoni. Sulla carta - prosegue la Di Mario - la partita non è difficilissima, ma sono comunque una squadra di grande tradizione: questo è un elemento da non sottovalutare, che può rendere il match più difficoltoso. E' comunque un test importante, sono curiosa di vedere la squadra all'opera». Sugli obiettivi stagionali, Tania Di Mario non si nasconde: «La squadra è stata costruita per lottare per lo scudetto. Vogliamo tornare a essere di nuovo l'Orizzonte che è stata negli anni passati. Non sarà facile, ma bisogna creare l'alchimia: abbiamo tempo per lavorarci al meglio». 

Tornare in vetta sarà complicato, visti soprattutto la forza e il blasone delle rivali: «I campioni in carica del Plebiscito Padova sono una squadra di altissimo livello, con giocatrici internazionali, così come Bogliasco e Roma. Il pubblico? Mi farebbe piacere vedere la piscina piena, perché so che fa la differenza. Spero che succeda in futuro, colgo l'occasione per invitare più persone possibile: prometto personalmente (conclude ridendo, ndr) un premio a tutti quelli che verranno rispondendo al mio invito».

L'emozione del ritorno in A1 è ovviamente fortissima anche in casa Nuoto Catania, con i ragazzi allenati da Giuseppe Dato che dopo sei anni tornano a far parte della massima serie della pallanuoto italiana. L'impegno dell'esordio mette i brividi: Brescia è la squadra che, lo scorso anno, ha dominato il campionato assieme alla Pro Recco, compagine poi vincitrice del Tricolore. Il direttore sportivo Peppe Corsello sottolinea l'importanza del momento, per una squadra dal passato glorioso: «L'esordio di domani è un ritorno per tanti di noi: la Nuoto Catania deve anzitutto pensare a mantenere la categoria il più a lungo possibile, tornando a quelle che possono essere le posizioni che le competono. La partita di domani è particolare, perché giochiamo contro i vice-campioni d'Italia, una delle tre squadre più ostiche che potevamo incontrare, ma ci aspettavamo questo tipo di inizio».

La sfida è dunque difficile, ma non impossibile, soprattutto se l'approccio mentale è quello corretto. «Siamo con la testa e la concentrazione giusta - ribadisce Corsello -. In questi match occorre sempre metterci grandi grinta e carica perché sennò, visto il dislivello tecnico, potrebbe finire veramente male. Siamo fiduciosi di dare un segnale al campionato: quello di una squadra che soprattutto in casa non vuol mollare mai e vuole tenere duro il più possibile».