Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, a Troina Pd ferma la campagna elettorale
La protesta dopo la mancata candidatura di Venezia

Il direttivo cittadino ha votato l'autosospensione dal partito di tutti i politici locali. In una nota si spiega che le rimostranze riguardano la gestione della lista Micari Presidente-Arcipelago Sicilia da parte dei vertici regionali. Rilanciando di fatto l'ipotesi di un complotto interno al centrosinistra: «È stata volutamente boicottata»

Simone Olivelli

«Sprezzo e assoluta sciatteria». Sono questi i motivi che hanno portato all'autosospensione dal partito di tutti i politici del Pd a Troina. La decisione è stata presa ieri sera nel corso di una riunione del direttivo comunale. Una riunione che non è arrivata in un momento qualsiasi, ma a pochi giorni dal ritiro della candidatura alle Regionali del sindaco Fabio Venezia. Scelta arrivata in extremis e che ha anticipato di poco una polemica partita dall'entourage del primo cittadino in merito alle mosse che i vertici regionali del partito avrebbero fatto per assicurare il posto in lista all'accoppiata Luisa Lantieri-Mario Alloro, basando la scelta su una presunta ineleggibilità di Venezia legata alla carica di vicepresidente della Srr di Enna.

Versione smentita da Fausto Raciti a MeridioNews, con il segretario regionale che ha spiegato che le scelte sono state strettamente politiche e che per Venezia ci sarebbe stata la possibilità di una candidatura nella lista Arcipelago Sicilia, che però nel frattempo sembrava avere perso la propria forza. Fatti questi a cui la segreteria cittadina del Pd fa accenno seppure non soffermandosi. «Il direttivo ha constatato l’esito avventuriero di questi ultimi cinque anni di gestione del partito a livello regionale culminato nelle scelte scellerate compiute alla viglia della campagna elettorale, eccetto quelle legate alla persona del presidente (Micari, ndr)», si legge in una nota a firma del segretario Giuseppe Schillaci. Gli esponenti del Pd sottolineano che la presa di posizione «non riguarda solo le scelte compiute a scapito di Fabio Venezia, ma il modo in cui complessivamente si è proceduto». 

Il riferimento va alle dinamiche che hanno caratterizzato l'evoluzione del progetto Arcipelago Sicilia, nato come lista che avrebbe dovuto accogliere le istanze dai territori e che alla fine ha visto confluire al proprio interno i crocettiani. In seguito alla presa di coscienza della limitatezza delle forze provenienti dal mondo dell'associazionismo e dagli enti locali, e alla relativa richiesta a Rosario Crocetta di ritirare la lista del Megafono.

«La lista Micari Presidente, che doveva rappresentare un valore aggiunto, è stata volutamente boicottata dal partito indebolendo la coalizione nel suo complesso e quindi la candidatura alla presidenza», prosegue la nota, rilanciando così la tesi del presunto complotto messo in atto all'interno della coalizione di centrosinistra. L'auspicio del circolo troinese è che adesso la protesta possa essere raccolta anche da altri paesi. «Ci auguriamo venga accolto anche da altri circoli della provincia e dell’intera regione, consapevoli tuttavia che chi ha compiuto certe scelte il 6 novembre dovrà dare conto dei risultati», concludono i democratici. Assicurando di continuare a tifare Pd alle Regionali, ma annunciando di avere fermato la campagna elettorale con oltre tre settimane di anticipo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×