Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, 22enne dava fuoco a boschi e rifiuti
Aveva condiviso video delle fiamme con amici

Un giovane è stato arrestato con l'accusa di essere il responsabile di alcuni incendi che, tra fine agosto e i primi di settembre, hanno devastato i territori di Piraino e Gioiosa Marea. Nel cellulare sarebbero stati trovati immagini e audio, talvolta anche di scherno sulle forze dell'ordine impegnate nello spegnimento

Redazione

Foto di: Leo Sacco

Foto di: Leo Sacco

I carabinieri che lo hanno arrestato lo hanno definito un insospettabile. Ma proprio lui, un giovane 22enne piromane, è stato incastrato grazie alle immagini delle fiamme appiccate che condivideva con gli amici. È stato fermato la scorsa domenica perché ritenuto responsabile di alcuni degli incendi che, tra la fine di agosto e i primi di settembre di quest’anno, hanno letteralmente mandato in fumo decine di ettari di bosco, oltre ai cassonetti della nettezza urbana, nei comuni di Piraino e Gioiosa Marea

Sono state proprio le indagini condotte dai carabinieri dopo quest’ultimo incendio, a consentire ai militari di attribuire al ragazzo, non solo le fiamme appiccate ai cassonetti, ma anche quelle che hanno scatenato altri quattro incendi che, a partire dalla fine di agosto, hanno distrutto la vegetazione nei due Comuni tirrenici il cui paesaggio è stato deturpato e dove è stata messa gravemente in pericolo l’incolumità di persone, edifici e strutture turistiche. 

Quando i carabinieri lo hanno fermato gli hanno sequestrato accendini, inneschi e liquido infiammabile, che custodiva nella sua auto. Sotto chiave è finito anche il cellulare, su cui gli investigatori hanno rinvenuto fotografie e video di alcuni degli incendi che hanno devastato l’area di Patti nel corso dell’estate e commenti audio, talvolta anche di scherno, sull’andamento degli incendi e sull’operato delle forze dell’ordine impegnate nello spegnimento. Immagini e audio che il giovane poi condivideva con amici e conoscenti su diverse chat. 

Oggi il fermo è stato convalidato e contestualmente il gip di Patti, su richiesta del pm Luca Melis, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti del 22enne.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×