Chiudi ✖
15

Foto di: sito ufficiale Trapani Calcio

Il Trapani si ferma al palo, non va oltre lo zero a zero
Reti bianche e punto prezioso per la Sicula Leonzio

Luca Di Noto

Sport – In novanta minuti i granata colgono tre legni e non riescono a fare loro la gara. I bianconeri si confermano matricola terribile: dopo aver battuto il Matera all’esordio, portano via dal Provinciale un risultato positivo

Nella terza giornata del campionato di serie C, il Trapani si deve accontentare di un punto contro la Sicula Leonzio. I granata recriminano per tre legni colpiti durante tutto l’arco della gara e per una direzione arbitrale forse un po’ troppo discutibile, ma nonostante questo la Sicula Leonzio tiene bene e porta via un punto pesantissimo dallo stadio Provinciale nel derby tutto siciliano. Il copione della gara dice che i granata fanno la partita, anche se nei primi minuti i bianconeri provano qualche timido affondo. Poi comincia lo show dei padroni di casa: prima ci prova Taugourdeau, il cui tiro finisce sul palo, poi Murano va vicino alla rete (decisivo l’intervento di Narciso) e a seguire Maracchi di testa colpisce la traversa. La squadra di Calori protesta anche per un intervento dubbio ai danni di Ferretti, ma l’arbitro lascia proseguire. Nella ripresa, terzo legno del Trapani, con lo stesso Ferretti che con il diagonale batte Narciso, ma il pallone si stampa sul palo interno. Quello granata è un vero e proprio assedio, la Leonzio prova a ripartire in contropiede ma non punge e alla fine le due squadre devono dividere la posta.

LE PAGELLE

TRAPANI

Furlan 6 Non rischia quasi nulla, per il resto si fa trovare sempre pronto quelle rare volte in cui è chiamato in causa.

Fazio 5,5 Mostra tanto nervosismo, prende il giallo nel primo tempo e rischia il rosso nel finale per un battibecco acceso con Arcidiacono.

Pagliarulo 6 Mostra una sola insicurezza nel finale, per il resto il suo rientro in campo è quasi privo di ogni apprensione.

Silvestri 6 La sua gara è abbastanza tranquilla anche per la quasi totale mancanza di occasioni per gli avversari.

Visconti 5,5 Il terzino sinistro si spinge poco in avanti e bada più a contenere. Nella ripresa ci prova su punizione, ma Narciso blocca.

Maracchi 6,5 Diversi inserimenti in avanti, protesta a gran voce per un fallo al limite dell’area non concesso e poi colpisce la traversa su colpo di testa a botta sicura.

Taugourdeau 7 Nonostante in fase di impostazione sia assolutamente imprescindibile, la sfortuna questa sera colpisce anche lui quando un suo destro deviato si stampa sul palo. Dall’87’ Reginaldo s.v. Con il suo ingresso in campo, mister Calori prova il tutto per tutto.

Palumbo 6,5 Tra gli ultimi arrivati in granata, mister Calori lo manda in campo senza timore e il ragazzo lo ricambia con una buona prestazione. Dal 56’ Bastoni 6 Non fa rimpiangere il compagno di squadra con il quale il duello per una maglia da titolare si proporrà spesso nei prossimi mesi.

Marras 6 Buona prova anche per l’esterno ex Alessandria, che spazia su tutto il fronte offensivo mettendo in mezzo diversi palloni pericolosi. Unica pecca qualche leziosismo di troppo.

Murano 6 Il giovane attaccante prova a fare del suo, ma quando va vicino al gol è Narciso a strozzargli l’urlo in gola. Dal 59’ Evacuo 5,5 Esordio al Provinciale per lui, la Leonzio è brava a tenerlo a bada.

Ferretti 6,5 L’esterno offensivo ci prova diverse volte, ma prima trova Narciso a opporsi e poi, a inizio ripresa, coglie il palo interno. Dal 60’ Minelli 5,5 Mezz’ora in campo per il giovane ex Fiorentina: tanta corsa ma pochi palloni toccati.

Calori 5,5 Può recriminare per il poco cinismo della sua squadra nonostante le tante occasioni avute, ma tre legni colpiti sono sicuramente sintomo di sfortuna. Gare come queste, però, devono aiutare a crescere.

SICULA LEONZIO

Narciso 7 Indubbiamente tra i migliori in campo, la sua esperienza è fondamentale per i bianconeri. Aiutato dai legni, si mostra decisivo in alcune occasioni e il punto conquistato è anche merito suo.

De Rossi 6,5 L’ex Catania gioca bene soprattutto nel primo tempo, quando i bianconeri in campo appaiono più sbarazzini.

Gianola 6 Il centrale bianconero deve vedersela prima con Murano e poi con Evacuo, soffrendo tanto il primo e tenendo a bada il secondo.

Camilleri 5,5 Una sua deviazione spedisce un tiro di Taugourdeau sul palo, per il resto lui e la retroguardia ballano tanto, ma alla fine contengono come possibile i granata.

Squillace 5,5 Fatica non poco a tenere a bada ora Ferretti, ora Marras. Soffre tanto quando c’è da coprire e non può mai spingersi in avanti.

D’Angelo 6 Prestazione sufficiente per il numero 27, bravo nella fase d’interdizione. Dall’83’ Davì s.v. Pochi minuti in campo per il centrocampista scuola Palermo.

Esposito 6 Novanta minuti intensi per lui, con il compito di far ragionare il meno possibile Taugourdeau. Ci riesce poche volte, ma il filtro offerto in mezzo al campo è ottimo.

Marano 6,5 Mezzo voto in più rispetto ai compagni di reparto, anche perché torna indietro a dare una mano una quantità di volte innumerevole. Dall’83’ Gammone s.v. Dà il cambio a uno stremato Marano, mostrando buona personalità

Bollino 6 Prova con le sue giocate a scuotere i suoi, ma non riesce praticamente mai a rendersi decisivo. Dal 67’ Aquilanti 6 Anche lui dà il suo contributo in uno stadio che gli evoca dolci ricordi per la promozione ottenuta con il Lanciano.

Tavares 5,5 L’attaccante bianconero si vede poco in avanti, anche perché la sua squadra gioca una gara più di contenimento. Dal 67’ Ferreira 5,5 Se Tavares si vede poco, lui ha ancora meno occasioni per mettersi in mostra.

Arcidiacono 6 Una sufficienza di stima, anche perché l’attaccante catanese è tra gli ultimi ad arrendersi e tra i pochi a impegnare Furlan, seppure con un tiro dalla distanza.

Rigoli 7 Esame di maturità superato a pieni voti dalla squadra bianconera: qualche perdita di tempo qua e là, poche trame offensive, ma idee ben precise e soprattutto una difesa difficile da penetrare.