Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Licata, le ruspe in azione anche senza il sindaco
Commissario: «Politica ha chiuso entrambi occhi»

Venti giorni fa Angelo Cambiano è stato sfiduciato, lasciando il posto a Mariagrazia Brandara. Ma il destino delle case abusive, dentro i 150 metri dal mare, non cambia: stamattina le demolizioni sono riprese. E ancora 150 immobili, su cui sono stati respinti i ricorsi dei proprietari, devono essere abbattuti

Gero Rizzo

Il 29 agosto scorso, insediandosi al Comune come commissario straordinario in sostituzione del sindaco Angelo Cambiano sfiduciato venti giorni prima, Mariagrazia Brandara lo aveva detto chiaro e tondo: «Le demolizioni – erano state le parole dell’ex sindaco di Naro – non possono essere fermate. Le sentenze si applicano, senza se e senza ma».

E stamani, puntuali, le demolizioni delle villette abusive edificate vicino al mare, entro i 150 metri dalla battigia, a Licata sono riprese. Alle 8 del mattino l’impresa edile Patriarca Salvatore (che il 30 ottobre del 2015 aveva ottenuto l’appalto del Comune per le demolizioni) ha raggiunto la contrada Pisciotto, a otto chilometri dall’abitato di Licata, e le ruspe sono tornate in azione. Hanno abbattuto la recinzione in cemento e tufi di una villetta che nelle scorse settimane era stata demolita dagli ex proprietari. Nella zona il lavoro andrà avanti almeno per una settimana. Ci sono, infatti, le recinzioni di altre quattro villette da abbattere. Poi le ruspe, e con esse i tecnici del Comune ed i rappresentanti delle forze dell’ordine sempre presenti alle demolizioni, si trasferiranno altrove, sempre lungo la costa.

Dal 20 aprile del 2016 ad oggi, dunque in poco meno di un anno e mezzo, a Licata sono state abbattute già 72 villette sul mare, ma l’elenco è ancora lungo. Per altre 150 case il procedimento che conduce alle demolizioni è stato già ultimato. Le sentenze sono passate in giudicato e i ricorsi presentati dagli ex proprietari sono stati rigettati dai giudici amministrativi. Dunque anche questi edifici sono destinati a finire a terra, ma l’elenco è in continuo aggiornamento. Man mano che le sentenze passano in giudicato, infatti, la lista viene aggiornata. È praticamente certo che si andrà avanti per anni.

Dunque, osservano i più a Licata, anche riferendosi alle considerazioni fatte da Maria Grazia Brandara pochi minuti dopo l’insediamento, gli abbattimenti vanno avanti malgrado il sindaco Cambiano non sia più in carica. Ciò a dimostrazione del fatto, secondo quanto egli stesso ha ripetuto più volte negli studi televisivi dei principali network nazionali, che chi era in carica fino al 9 agosto scorso si limitava ad applicare la legge. «Pensate che mi faccia piacere – ha ribadito in continuazione Cambiano – abbattere le case dei licatesi? Io applico solo la legge, non posso fare diversamente, e mi dispiace se c’è chi pensa il contrario. Le sentenze vanno eseguite».

Concetto ribadito da Brandara, commissario straordinario che dal 29 agosto scorso (così come aveva fatto prima dell’insediamento di Cambiano) guida il Comune e continuerà a farlo almeno fino al mese di giugno del 2018, quando i licatesi torneranno alle urne per eleggere sindaco e consiglio comunale. «A me dispiace - sono le parole di Brandara -, vorrei sempre firmare decreti per costruire e non per abbattere, ma se ci sono sentenze passate in giudicato posso solo applicarle. Piuttosto ritengo che sull’abusivismo edilizio, negli anni, probabilmente la politica ha chiuso un occhio, se non tutti e due». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×