Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Campobello di Licata, vietati i funerali del boss
Il Tribunale lo aveva definito non più pericoloso

Ignazio Accascio è morto all'età di 77 anni. Nel 2006 era stato arrestato nell'operazione Ghost 2-Saraceno e in seguito condannato in via definitiva a dieci anni. L'anno scorso era stato scarcerato, ottenendo anche la revoca della libertà vigilata. Ma per il questore di Agrigento le esequie sarebbero state comunque a rischio

Simone Olivelli

Per i giudici non era più socialmente pericoloso, ma il suo passato avrebbe potuto fare da richiamo, per esponenti malavitosi decisi a tributargli un ultimo riconoscimento per i suoi trascorsi da capomafia

È questo il motivo che ha portato il questore di Agrigento, Maurizio Auriemma, a vietare i funerali di Ignazio Accascio, boss 77enne di Campobello di Licata deceduto negli scorsi giorni. Le esequie, in un primo tempo, erano stati organizzati per questo pomeriggio nella chiesa dell'Immacolata.

Accascio era stato arrestato nel 2006, nell'ambito dell'operazione Ghost 2-Saraceno e in seguito condannato in via definitiva a dieci anni. Pena che il boss aveva finito di scontare l'anno scorso e a cui era seguita la misura cautelare della libertà vigilata, poi successivamente revocata con il Tribunale di Agrigento che aveva accolto la richiesta dei legali del 77enne, motivando la decisione con la venuta meno della pericolosità sociale dell'anziano. 

In quell'inchiesta, che disarticolò la cosca operante a Campobello di Licata, fu arrestato anche l'allora sindaco Calogero Gueli. Il primo cittadino venne accusato concorso esterno in associazione mafiosa. Per tale reato venne condannato in primo grado a 14 anni, per poi essere assolto in secondo grado. Secondo l'accusa, Gueli aveva operato con l'intento di favorire la cosca guidata proprio da Accascio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×