Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ong, arrivata al porto di Trapani la nave sequestrata
Nessun indagato tra equipaggio, tornato in Germania

La Iuventa è giunta scortata da una motovedetta della Guardia costiera. Breve sopralluogo a bordo dell'imbarcazione da parte degli agenti della squadra mobile. L’inchiesta sarebbe partita in seguito alle segnalazioni del personale di sicurezza dell'agenzia IMI Security Service, imbarcato sul mezzo di Save The Children

Pamela Giacomarro

È arrivata attorno alle 17.30, scortata da una motovedetta della Guardia Costiera, al molo Isolella Sud di Trapani, la nave Iuventa della ong tedesca Jugend Redett. Ad attenderla, sul molo, gli agenti della squadra mobile e gli uomini della Guardia Costiera che hanno anche effettuato un breve sopralluogo a bordo dell’imbarcazione

La Iuventa è stata sequestrata lo scorso 2 agosto a largo di Lampedusa, su richiesta della procura di Trapani che ha aperto un fascicolo per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sequestrati anche i pc utilizzati dall’equipaggio e gli strumenti satellitari per risalire ai vari spostamenti effettuati dalla nave nelle acque antistanti le coste libiche. Tutti gli operatori presenti a bordo dell’imbarcazione al momento del fermo dopo essere stati ascoltati sono rimasti sull’isola. Adesso hanno fatto ritorno in Germania dove ha sede la Jugend Rettet. 

Da tempo il personale della ong tedesca era nel mirino dei magistrati che indagano da mesi sui presunti rapporti tra le organizzazioni non governative impegnate nelle missioni di salvataggio nel Mediterraneo e i trafficanti libici. Al telefono, intercettati, la capomissione e un giovane parlavano di soccorsi con largo anticipo, all’apparenza programmati. I legali della Jugend Rendett hanno annunciato ricorso. Al momento non sono emersi collegamenti tra l’equipaggio e i trafficanti e nessuna delle persone imbarcate è indagata. 

L’inchiesta sarebbe partita in seguito alle segnalazioni del personale di sicurezza dell'agenzia IMI Security Service, imbarcato sul mezzo di un’altra ong, ovvero Save The Children. In seguito i magistrati hanno deciso di imbarcare a bordo della Vos Hestia di Save The Children un agente dello Sco (il servizio centrale operativo) infiltrato. Secondo gli inquirenti, in almeno tre operazioni a ridosso delle coste libiche la Iuventa avrebbe accolto a bordo migranti che si trovavano su barconi che non erano in procinto di affondare, facendo pensare ad una consegna da parte degli scafisti invece che ad un salvataggio. Un comportamento che lo stesso procuratore aggiunto Ambrogio Cartosio ha definito «irregolare e punito dal codice penale ma non perpetrato a scopo di lucro ma a fini umanitari». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×