Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Enna, sequestro da 11 milioni a uomo vicino ai clan
Condannato per omicidio, rapporti anche coi gelesi

Ritenuto responsabile di un delitto, Gabriele Giacomo Stanzù - pur non avendo riconosciuta l'aggravante del metodo mafioso - nel corso degli anni è stato tirato in ballo più di una volta dai collaboratori di giustizia. I rapporti con la criminalità organizzata risalirebbero al 1998. Sigilli a terreni, immobili, auto e conti. Guarda il video

Redazione

La guardia di finanza di Caltanissetta, in seguito a indagini coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia, negli ultimi due giorni ha posto i sigilli a una serie di beni dislocati nell'Ennese, tra Piazza Armerina, Aidone e Assoro. A partecipare alle operazioni anche i carabinieri del Comando provinciale di Enna e quelli della Compagnia di Piazza Armerina. 

Il principale destinatario del provvedimento è stato il 57enne Gabriele Giacomo Stanzù, originario di Capizzi. Colpito anche il patrimonio riconducibile ai propri congiunti e familiari. Nel complesso sono stati sequestrati 349 ettari di terreno, otto fabbricati, dieci autovetture e diversi conti correnti postali e bancari, per un valore di oltre undici milioni di euro.

Stanzù, arrestato a fine novembre del 2011, si trova da anni in carcere in seguito a una condanna a 14 anni per omicidio. I giudici nella sentenza hanno escluso l'aggravante del metodo mafioso. Tuttavia, tra giugno 2011 e maggio 2012, diversi collaboratori di giustizia hanno parlato dei contatti che Stanzù avrebbe avuto con la famiglia mafiosa di Enna, oltre che con alcuni esponenti gelesi, tra i quali Daniele Emmanuello, rimasto ucciso in un conflitto a fuoco durante la cattura avvenuta nel 2007. I rapporti tra il 57enne e uomini di Cosa nostra sarebbero iniziati almeno nel 1998.

Ciò ha portato gli inquirenti ha dimostrare la sussistenza di indizi sufficienti a vedere in Stanzù un soggetto socialmente pericoloso, perché appartenente ad associazione mafiosa, e di conseguenza dare il la alla richiesta di sequestro dei beni che è stata accolta dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Enna.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×