Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, sequestro al re delle slot Rosario D'Agosta
Vicino alla mafia, condannato per tentato omicidio

Sessantatré anni, l'uomo è ritenuto contiguo a Cosa nostra dopo avere fatto parte della Stidda. Sui 25 anni presi in esame dalle Fiamme Gialle, in 12 casi non avrebbe dichiarato alcun reddito. A suo carico anche una condanna per avere minacciato di morte un collaboratore di giustizia: «Fermati che te la devo far pagare», avrebbe detto

Redazione

Oltre 30 milioni di euro di patrimonio, eppure per 12 anni l'intera famiglia non avrebbe dichiarato redditi. È quanto scoperto dai finanzieri del Comando provinciale di Catania su Rosario D'Agosta, 63enne di Vittoria, ritenuto contiguo a Cosa nostra, dopo essere stato affiliato alla Stidda. I beni - consistenti in 61 immobili nella provincia di Ragusa e sei in provincia di Varese, oltre che cinque automobili - sono stati sequestrati preventivamente su proposta della Procura distrettuale. 

D'Agosta, nel 2015, è stato condannato in primo grado a cinque anni di reclusione con l'accusa di tentato omicidio. Nel 2009, l'uomo avrebbe tentato di uccidere Giuseppe Doilo, esponente della Stidda. Lo scorso novembre, invece, D'Agosta è stato condannato a sei mesi di reclusione per minaccia aggravata dal metodo mafioso: in questo caso, l'uomo è stato ritenuto responsabile di avere intimidito un collaboratore di giustizia dicendogli tra le altre cose: «Fermati che te la devo far pagare, ti devo uccidere». 

Per quanto riguarda gli affari economici, D'Agosta è considerato da da quasi 30 anni detentore del monopolio delle macchinette da gioco installate negli esercizi commerciali di Vittoria. Settore nel quale l'uomo ha subito diversi sequestri di apparecchi illegali. Nel tentativo di sviare la riconducibilità dei propri beni, il 63enne avrebbe nel tempo intestato le quote delle proprie società ai figli della convivente. Il sequestro nasce dalla sproporzione tra i redditi dichiarati - nei 25 anni presi in esame, per la quasi metà di essi D'Agosta ha dichiarato di non avere redditi - e le acquisizioni immobiliari fatte.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×