Chiudi ✖
15

Teatro Morgantina, due mesi tra musica e recitazione
Dai classici all'evento che vedrà protagonisti i cittadini

Concetta Purrazza

Cultura e spettacoli – Il sito è tra quelli inseriti nel programma Anfiteatro Sicilia, il progetto voluto dalla Regione per valorizzare gli antichi teatri di pietra presenti nell'Isola. Si apre oggi con l'opera di Monica Guerritore intitolata Dall'inferno all'infinito, con citazioni che vanno da Dante a Pasolini. Chiusura con Plauto il 20 agosto

È il teatro greco di Morgantina una delle nuove location inserite da quest’anno nella seconda edizione dell’evento Anfiteatro Sicilia, il progetto promosso dagli assessorati regionali del Turismo e dei Beni culturali in collaborazione con Taormina Arte, Teatro Stabile di Catania e artisti indipendenti, rivolto a valorizzare gli antichi teatri di pietra più suggestivi dell'Isola. Notte dopo notte, il famoso sito in provincia di Enna proporrà dal 2 luglio al 20 agosto un programma variegato e inedito.

La rassegna partirà stasera con l’opera Dall’inferno all’infinito, scritta e interpretata da Monica Guerritore. Quello dell’attrice è un cammino spirituale compiuto nell'animo umano attraverso le parole di Dante, Leopardi, Pasolini, Morante, Valduga, Pavese, Hugo, Valery, Flaubert. E proprio ai classici della letteratura sono dedicati i numerosi spettacoli di prosa che il cartellone propone. Novelle per un anno (15 luglio) di Angelo Tosto è una produzione del Teatro Stabile di Catania per celebrare il 150esimo anniversario della nascita di Luigi Pirandello. Amleto figlio di Amleto (22 luglio), per la regia di Andrea Elodie Moretti, propone una rilettura drammaturgica del capolavoro shakespeariano.

Ulisse, l’esploratore dei mari (3 agosto) di Alfio Zappalà narra invece le avventure dell’intrepido Odisseo: l’incontro con il Ciclope Polifemo, la maga Circe, le Sirene ammaliatrici, Scilla e Cariddi. Il sogno di un uomo ridicolo (4 agosto) ha origine in un testo scritto da Fedor Dostoevskij ed è interpretato da Gabriele Lavia. Confessione dopo confessione, il protagonista ripercorrerà attraverso un viaggio onirico la propria vita. Orlando Furioso (11 agosto) è un inedito e originale omaggio teatrale che il regista Salvatore Guglielmino dedica all’immortale opera di Ludovico Ariosto. Serata d’onore (18 agosto) di e con Michele Placido, si presenta come un tributo alla canzone napoletana e alle più belle poesie d’amore di Neruda, Montale, D'Annunzio, Alighieri, Di Giacomo, Bruni.

Di sicuro interesse poi i concerti di musica classica come l’esecuzione dell’Orchestra a Plettro Città di Taormina (14 luglio), diretta dal maestro Antonino Pellitteri, che incanterà il pubblico con brani di Mascagni, Gioviale, Falbo, Gulotta o il recital Suggestioni al chiaro di luna del pianista Mario Galeani (21 luglio). Mentre l’Orchestra a Fiati del Conservatorio A. Corelli, guidata da Lorenzo Della Fonte, racconterà Storie di mare (29 luglio) con le musiche di Verdi, Nicolai Rimskij-Korsakov, John Philip Sousa, Francis McBeth, Ralph Vaughan Williams e John Mackey.

Altrettanto atteso l’evento Tra mito e storia, Morgantina rivive in programma il 5 e 6 agosto. L’antica città greca rinascerà grazie ai residenti-attori che interpreteranno i loro antenati in un viaggio nel tempo alla scoperta di scene di vita quotidiana e storie mitologiche negli spazi dell’agorà (la piazza), del macellum (il mercato), del teatro (luogo delle rappresentazioni sceniche) e dell'ekklesterion (sede dell'assemblea dei cittadini).

Da non perdere, infine, il ciclo di rappresentazioni classiche in calendario. Il 28 luglio l’attore Tuccio Musumeci nei panni del servo Pirria trascinerà il pubblico in un delirio di risate con la commedia Dyskolos di Menandro, coprodotta dal Teatro Stabile di Catania e Teatro della Città per la regia di Romano Bernardi. A seguire, la tragedia-cunto Le Supplici (17 agosto), diretta e interpretata da Mario Incudine e Moni Ovadia, e la commedia sentimentale Casina di Plauto (20 agosto) con Giuseppe e Micol Pambieri, per la regia di Giuseppe Argirò, che sarà l’evento conclusivo della stagione.