Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gioiosa Marea, truffa per finanziare gli alberghi
Dieci denunciati tra imprenditori e professionisti

Finanziamenti per tre milioni di euro percepiti e non dovuti e un giro di fatture false per oltre due milioni e 300mila euro. Sono le accuse mosse dalla Guardia di finanza a un gruppo impegnato nell'ottenere fondi per imprese operanti nel settore turistico-alberghiero

Simona Arena

Dieci le persone denunciate per truffa aggravata finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche e per emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Finanziamenti per tre milioni di euro percepiti e non dovuti e un giro di fatture false per oltre due milioni e 300mila euro. Questo il bilancio delle indagini condotte dai finanzieri di Patti che hanno controllato alcune imprese operanti nel settore turistico-alberghiero, che avevano goduto di finanziamenti regionali e comunitari inseriti nel Fondo europeo di sviluppo regionale. 

Le Fiamme gialle hanno passato al setaccio la documentazione delle imprese fornitrici riuscendo a individuare un sistema illecito basato sull’utilizzo sistematico di fatture per operazioni in tutto o in parte inesistenti. Tali documenti, emessi da imprese assistite da un unico professionista, un commercialista di Gioiosa Marea che è tra i dieci denunciati, avrebbero consentito ai responsabili del meccanismo truffaldino di giustificare all’assessorato regionale delle Attività Produttive della Regione spese in realtà mai sostenute

I costi fittizi venivano inseriti nei progetti presentati alla Regione, per ottenere illecitamente la concessione di finanziamenti. I finanzieri sono riusciti a intercettare e bloccare una richiesta di finanziamento per presunti lavori di ristrutturazione edilizia, di acquisto arredi e attrezzature di un noto albergo della costa tirrenica, per i quali la società che gestisce la struttura aveva richiesto contributi per più di due milioni e 900mila euro. Ma la richiesta si basava su documenti falsi e solo l’intervento della Guardia di finanza ha permesso di evitare che la regione e l’Unione Europea erogassero il finanziamento non dovuto. Alla società che chiedeva il finanziamento è stato contestato anche l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per un valore pari ad oltre ottocentomila euro.

In un altro caso di truffa è stata contestata l’indebita riscossione di un contributo richiesto per la ristrutturazione e il rilancio di un’attività ricettiva, per la quale il titolare della ditta, anche questa a Gioiosa Marea, aveva presentato documenti relativi alle spese di ristrutturazione e acquisto di attrezzature specifiche per la ristorazione, sostenute soltanto in parte.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×