Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Favara, confermata condanna per Antonino Baio
Trent'anni per l'omicidio di Palumbo Piccionello

La Cassazione ha messo la parola fine alla vicenda giudiziaria seguita al delitto che si consumò a fine novembre 2012. A essere ucciso fu il re indiscusso delle sale giochi agrigentine. All'origine del delitto una storia di ripicche e false accuse. La difesa ha puntato sull'infermità mentale, ma i giudici hanno rigettato la tesi

Gabriele Terranova

In Cassazione si è presentato con un super collegio difensivo: ai già noti avvocati Antonino Mormino e Giovanni Castronovo è stato nominato anche il professore Franco CoppiAntonino Baio, 75 anni, si è giocato ieri, davanti la Suprema Corte, la sua ultima carta. Ma è servita a poco: la condanna a 30 anni per omicidio, già rimediata in primo e secondo grado, è stata confermata. Adesso Baio è ufficialmente «catturabile».

L'uomo è stato ritenuto responsabile dell'omicidio di Calogero Palumbo Piccionello, 67 anni, re indiscusso delle sale giochi in provincia di Agrigento, assassinato proprio da Baio a colpi d’arma da fuoco la sera del 28 Novembre 2012 in via Napoli a Favara. L’imputato confessò il delitto, si costituì ai carabinieri e attese da detenuto il suo destino, fino all’aprile del 2014, quando fu scarcerato per scadenza dei termini.

La difesa di Baio ha sempre proposto il tema dell’infermità mentale: «Non si possono ignorare del tutto le testimonianze di parenti e amici che descrivono le sue patologie psichiatriche e prendere, invece, per oro colato le conclusioni del perito del giudice di primo grado. Aveva un’ossessione, era il delirio di una persona con problemi psichici, non conosceva neppure il povero Palumbo Piccionello». Questa in sintesi la linea difensiva degli avvocati di Baio.

L’imputato aveva confessato il delitto originato da una banale storia di ripicche e false accuse che avevano indotto l’omicida a pensare di essere stato etichettato e indicato in Prefettura con una lettera anonima come un usuraio dalla vittima. Oltraggio che Baio ha lavato con il sangue. Dal canto suo, il procuratore generale della Cassazione aveva ribadito che la condanna andava confermata perché era chiara la colpevolezza dell’imputato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×