Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Da Lentini al centro d'eccellenza medico a New York
«I miei non sono ricchi, studiate e appassionatevi»

Alessia Aloisi a 31 anni lavora al Memorial Sloan Kettering Cancer Center, tra le migliori strutture al mondo per la ginecologia oncologica. Laureata a Catania, specializzata a Roma, racconta: «Ho spedito il curriculum, sono stata convocata per il colloquio e dopo qualche mese mi hanno comunicato che ero stata scelta»

Danilo Daquino

«Realizzare il proprio sogno professionale senza raccomandazione? Sì, è possibile». Alessia Aloisi ha 31 anni, è originaria di Lentini e la sua più grande passione è la medicina. Sognava di realizzarsi in campo professionale con le proprie forze, un anno fa ci è riuscita. «I miei genitori non sono medici e non sono ricchi, non abbiamo appoggi politici – spiega a MeridioNews – ma sono riuscita a realizzarmi e oggi lavoro al Memorial Sloan Kettering Cancer Center (Mskcc) di New York, uno dei migliori centri al mondo per la ginecologia oncologica».

Dietro i suoi successi professionali c’è una preparazione scolastica e universitaria all’avanguardia. «Alla fine della scuola media – ricorda Alessia – ho detto a mia madre che desideravo iscrivermi al liceo scientifico per acquisire una preparazione utile a superare i test di ammissione in Medicina a Catania». Dove si laurea col massimo dei voti. Per poi trasferirsi a Roma. «Sin da subito ho sviluppato un grande interesse per la ginecologia oncologica, così ho scelto la capitale per acquisire la specializzazione all’Università Campus Bio-Medico, il direttore del mio programma è uno dei migliori ginecologi oncologi in Italia, anche lui con esperienza decennale negli Stati Uniti – racconta –. Nel periodo della specializzazione ho lavorato per quattro mesi a Bruxelles per la Comunità europea, dove mi sono occupata dei processi di elaborazione, valutazione e approvazione di grant finalizzati all'attività di ricerca in ambito medico e allo stesso tempo ho anche conseguito l’abilitazione americana all’esercizio della professione». 

La giovane racconta poi come è arrivata nella Grande mela. «Dopo l’abilitazione ho spedito il mio curriculum e tutti i documenti necessari al Mskcc. Sono stata convocata a New York per il colloquio e dopo qualche mese, al termine del processo di selezione, mi hanno ricontattata per comunicarmi che, tra tutti i candidati, ero stata scelta come nuovo international fellow. Sono qui da luglio 2016», aggiunge.

La prestigiosa struttura sanitaria seleziona ogni anno un solo candidato internazionale e due americani, tre da quest’anno. La giornata tipo? «Arrivo in ospedale alle 5 e fino alle 6.30 faccio il giro delle visite, vedo le pazienti, compilo il foglio delle consegne che invio al mio strutturato, il medico anziano responsabile e ai physician assistent che si occupano del reparto mentre io sto in sala – spiega Alessia –. Alle 7 preparo la prima paziente per la sala ed iniziamo gli interventi. Di solito sono di guardia almeno una notte infrasettimanale e durante il weekend ogni 7 settimane. L'ospedale è una macchina che funziona alla perfezione, il livello culturale e assistenziale è altissimo, tutti i chirurghi con cui lavoro sono eccellenti e preparatissimi, sto imparando molto da loro e non mi stupisco che siano i migliori al mondo. Vale davvero la pena essere qui, anche se è molto dura».

La 31enne si sofferma poi sul rapporto con la sua città natale. «Casa mia è a Lentini, la mia famiglia si trova lì, quando posso corro da loro. A parte i parenti, però, non ho grossi altri legami, perché ho vissuto per sei anni a Roma e i miei amici sono lì, anche il mio fidanzato è romano». A chi vuole intraprendere la carriera da medico, Alessia Aloisi consiglia di «impegnarsi, studiare e sapersi proporre», ma anche di «appassionarsi» perché «bisogna fare sacrifici immensi per sopravvivere».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×