Chiudi ✖
15

Barillà illude il Trapani, ma non basta
La Spal vince in rimonta per 2-1

Luca Di Noto

Sport – I granata passano in vantaggio in avvio con una rete del centrocampista, ma nella ripresa arriva la riscossa degli estensi, con una doppietta messa a segno da Antenucci. Bene Manconi: prima sfiora un super gol e nel finale va vicino al pari

Il Trapani cade sul campo della Spal, nonostante una buona gara, soprattutto per quanto riguarda il primo tempo. La capolista si impone in rimonta, conquistando tre punti che lanciano i biancazzurri verso la serie A. Gara subito viva e al 3’ i siciliani passano in vantaggio con Barillà che riceve da Raffaello, controlla la sfera e dal limite conclude in porta beffando Meret, non impeccabile in quest’occasione. Due minuti più tardi, estensi vicini al pari con Schiattarella, ma Pigliacelli salva. La squadra granata prova a fare la partita, i biancazzurri provano a rispondere in ripartenza. Al 29’ Manconi sfiora il super gol: l’attaccante riceve palla a centrocampo e vede Meret fuori dai pali, così calcia ma la palla esce fuori di pochissimo. I padroni di casa provano a forzare i ritmi e si rendono pericolosi al 38’ con Antenucci che, su servizio di Finotto, gira verso la porta con Pigliacelli che blocca. Nella ripresa, parte forte la Spal, pericolosa subito con Lazzari e Vicari. Il pareggio è nell’aria e arriva al 56’: Finotto serve Antenucci che conclude col destro, il suo tiro è deviato da Legittimo e la traiettoria beffa Pigliacelli. I padroni di casa sfiorano anche il raddoppio con Schiattarella su punizione, ma il pallone è allontanato in corner. Il raddoppio arriva al 77’ sugli sviluppi di una punizione: Schiattarella calcia a sorpresa e serve Antenucci che, lasciato libero da Pagliarulo, batte ancora Pigliacelli. Buona occasione per il Trapani all’85’, quando Nizzetto trova Curiale, il cui colpo di testa è bloccato da Meret. Occasione ancora migliore al 93’, quando Manconi entra in area dopo una serpentina, ma il suo sinistro è respinto dal portiere.

LE PAGELLE

Pigliacelli 6 Decisivo in più di un’occasione, probabilmente potrebbe fare qualcosa di più in occasione del primo gol di Antenucci, anche se a sua discolpa c’è la deviazione di Legittimo che lo chiama fuori causa.

Casasola 6 Torna titolare dopo la squalifica e mostra di essere ancora sul pezzo: copre bene dietro e prova a fare del suo spingendosi in avanti. Come tutta la squadra, cala vistosamente nel secondo tempo e la Spal ne approfitta.

Pagliarulo 5,5 Gioca un’ottima gara, non sbagliando praticamente nulla, fino al 77’, quando sugli sviluppi di una punizione si perde Antenucci, liberissimo così di realizzare il gol che vale la doppietta personale e il sorpasso nel punteggio. Questo è l’unico ma pesante neo nella sua prestazione.

Legittimo 5,5 Ottima gara da parte di tutta la retroguardia che alla fine paga le uniche due disattenzioni di tutto il reparto. Il numero 6 non compie veri e propri errori, ma è sfortunato nella deviazione che beffa Pigliacelli in occasione del gol del pari.

Visconti 6 Nel primo tempo riesce a spingersi in avanti in qualche occasione, ma bada soprattutto a coprire e a limitare le incursioni di Lazzari. Nella ripresa, la benzina sembra essere finita. Dal 60’ Rizzato 5,5 Si spinge in avanti con più continuità, ma non riesce a incidere.

Maracchi 6 Tanta corsa e intensità in mezzo al campo, si propone spesso in avanti con i suoi consueti inserimenti, ma forse resta un po’ spaesato per la differenza di modulo rispetto agli ultimi mesi. Se non altro, l’impegno non manca.

Rossi 5 Non riesce a garantire le geometrie e l’intensità dello squalificato Colombatto e probabilmente paga ancora una condizione fisica no proprio delle migliori. Benino in fase di copertura. Dall’82’ Curiale s.v. Pochi minuti in campo per lui e un’unica buona occasione di testa su cross di Nizzetto, non sfruttata.

Raffaello 6,5 Buona gara per il numero 24, che sfrutta l’occasione da titolare per mettersi in mostra. Il risultato non premia i granata, ma il centrocampista è uno dei pochi a salvarsi anche nella ripresa, quando la squadra cala.

Nizzetto 6 Molto bene nel primo tempo, decisamente meno nella ripresa, anche se nel finale serve un buon pallone a Curiale, il quale non sfrutta l’occasione. L’intesa con Barillà e Manconi c’è, nel secondo tempo però lo si vede troppo poco.

Barillà 7 Dimostra di avere un sinistro sempre caldo sbloccando subito la gara quando questa è appena iniziata. Al di là del gol, buona gara per lui, cala un po’ nella ripresa come tutta la squadra. Dal 72’ Canotto 5,5 Prova a garantire rapidità e imprevedibilità, ma la difesa dei padroni di casa chiude bene le maglie.

Manconi 7 Resta a secco di gol, è vero, ma la sua voglia di fare, di lottare e di stupire lo rendono uno dei migliori in campo. Va vicinissimo a un eurogol da centrocampo nel primo tempo, con la palla che esce di un soffio. Peccato nel finale per l’occasione sciupata che avrebbe regalato il pari ai suoi.

Calori 6,5 Questa squadra ha il pregio di giocarsela contro tutto e tutti alla pari, nonostante ad esempio oggi si affrontasse in trasferta la capolista. Il tecnico stupisce tutti con la mossa del doppio trequartista e mette in difficoltà il collega Semplici. Peccato che i granata siano calati così tanto nella ripresa, ma i suoi ci hanno provato fino all’ultimo.

Spal: Meret 5,5, Cremonesi 6, Vicari 6,5, Giani 6, Lazzari 7, Schiattarella 7, Castagnetti 6 (67’ Arini 6), Mora 6,5, Costa 5,5 (86’ Del Grosso s.v.), Antenucci 7,5, Finotto 6,5 (89’ Schiavon s.v.). All. Semplici 7.