Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, chiuse indagini sul mandamento di Alcamo
Coinvolta anche candidata al consiglio comunale

I magistrati hanno notificato l'avviso di chiusura delle indagini ad altre undici persone. Tra le quali Alida Maria Lauria, compagna di Giuseppe Di Giovanni, che avrebbe beneficiato delle intimidazioni dell'uomo. A febbraio erano stati sei gli arrestati, tra i quali il boss Ignazio Melodia

Pamela Giacomarro

Foto di: holiday sicily

Foto di: holiday sicily

Concluse le indagini a carico di altre undici persone coinvolte nell’operazione antimafia Freezer, messa a segno lo scorso mese di febbraio dagli agenti del commissariato di Alcamo e coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Palermo. Oltre ai sei arrestati nel corso del blitz, ovvero Ignazio Melodia, detto u dutturi, Salvatore Giacalone, detto u prufissuri, Antonino Stella, Filippo Cracchiolo, Vito Turriciano e Giuseppe Di Giovanni, gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari sono stati notificati anche ad Alida Maria Lauria, Leonardo Palmeri, Leonardo Zanca, Roberto Lo Meo e Diego Rugeri. Tutti sono chiamati a rispondere a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione e favoreggiamento

L’inchiesta, secondo gli inquirenti, è una fotografia chiarissima della nuova e allo stesso tempo vecchia mafia siciliana. I fedelissimi di Matteo Messina Denaro, convinti di sfuggire alle intercettazioni, si riunivano all’interno della cella frigorifera di un fruttivendolo. Gli inquirenti indicano come capo mandamento di Alcamo Melodia, ex medico dell’ufficio d’igiene della cittadina trapanese, rimasto in carcere dal 2002 al 2012, con i pentiti che dicono che fu Matteo Messina Denaro in persona a tenerlo a battesimo per la punciuta

Nell'ambito delle indagini, la Dia di Trapani, coordinata dal tenente colonnello Rocco Lopane, ha svelato i retroscena di un’estorsione commessa dal boss. È stato un imprenditore a registrarlo di nascosto col telefonino mentre affermava: «Io mezza provincia di Trapani comando». Le intercettazioni hanno permesso di svelare l’interesse dei clan nel corso dell’ultima campagna elettorale. Tra gli indagati infatti spunta il nome di Giuseppe Di Giovanni, compagno del chirurgo Alida Maria Lauria, candidata lo scorso anno al consiglio comunale con la lista Insieme di può. Secondo gli investigatori l’uomo, armato di pistola, avrebbe minacciato alcuni elettori nel tentativo di racimolare voti a favore della compagna. La donna risulta indagata per favoreggiamento. Per l’accusa sarebbe stata conoscenza delle condotte del compagno. Lauria, tuttavia, ottenne 140 voti e non riuscì ad essere eletta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×