Chiudi ✖
15

Salemi, violenta 81enne e la deruba in casa
Un 23enne condannato a 9 anni di carcere

Redazione

Cronaca – Il Tribunale di Marsala ha giudicato colpevole Moussa Moussa, giovane tunisino, dei reati di lesioni personali gravi, violenza sessuale e furto in abitazione. L'episodio è accaduto nella cittadina del Trapanese la notte del 18 maggio del 2016. L'anziana fu ritrovata con diverse ferite da coltello anche nelle parti intime

Nove anni e mezzo di carcere, è la pena inflitta dal Tribunale di Marsala a un 23enne tunisino, Moussa Moussa, condannato per lesioni personali gravi, violenza sessuale e furto in abitazione. 

Reati che il giovane nordafricano avrebbe commesso a Salemi, la notte del 18 maggio 2016, ai danni di una donna di 81 anni, ferita in diverse parti del corpo (anche in parti intime) con un coltello all'interno della sua abitazione e poi derubata di oggetti di scarso valore: un televisore, un telefonino, alcune pentole e qualche gioiello. 

Dopo dieci giorni di indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Marsala Antonella Trainito, i carabinieri hanno fermato il 23enne. Alla sua identificazione si è arrivati grazie alle riprese delle telecamere degli impianti di videosorveglianza della zona e all'analisi dei tabulati telefonici, nonché del telefono rubato alla vittima. Recuperata anche la refurtiva. Per Moussa Moussa, il pm Niccolò Volpe aveva chiesto la condanna a 12 anni e mezzo di carcere.