Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Nebrodi, alla famiglia Pruiti 460mila euro dall'Europa
Tra firme sospette e l'affitto di terreni a prezzi irrisori

La Direzione investigativa antimafia ha accertato che, dal 2004 al 2015, il boss, tramite due società intestate alla compagna, ha ricevuto importanti finanziamenti dall'Unione europea. Grazie a contratti di locazione fuori mercato: ad esempio uno per 66 ettari a 400 euro annui anziché 13mila

È di oltre un milione di euro il valore dei beni sequestrati dalla Direzione investigativa antimafia al boss di Cesarò Giuseppe Pruiti e alla sua convivente Angioletta Triscari Giacucco. Tra questi ci sono circa 500mila euro percepiti in dieci anni attraverso l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea). Fondi che - sottolinea la sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Messina - non avrebbero dovuto ottenere, in quanto già nel 2002 Pruiti era stato destinatario di una misura di prevenzione della sorveglianza speciale

I controlli effettuati dalla procura e dagli uomini della Dia hanno permesso di accertare che, dal 2004 al 2015, Angioletta Triscari Giacucco ha percepito contributi pari a quasi 144mila euro (23.666,13 euro nel 2004; 30.202,7 nel 2005; 1.554,98 nel 2006; 39.289,71 nel 2007; 19.287,12 nel 2008 e 29.764,85 nel 2015). La società semplice Martina SS di Triscari Giacucco Angioletta&C, che vede la donna socia amministratrice con una quota pari all'80 per cento, ha percepito invece in sei anni contributi per un importo di oltre 311mila euro (35.163,96 nel 2009; 39.318,50 nel 2010; 37.728,46 tra 2010 e 2011; 49.647,05 tra 2012 e 2013; 49.809,26 tra 2013 e 2014; 34.690,41 tra 2014 e 2015). Attraverso accertamenti tramite la banca dati Sian dell’Agea, è emerso inoltre che lo stesso Pruiti ha ottenuto 5.847,29 euro nel 2004.

Oltre 460mila euro grazie a titoli di disponibilità dei terreni (proprietà, contratti di affitto, comodato e altro) su cui il Tribunale di Messina avanza il forte dubbio che siano falsi o quantomeno inattendibili. Ad esempio sembrano non assomigliarsi le firme poste in alcuni contratti di affitto depositati all'Agenzia delle entrate e quelli dei comodati d'uso. Sottoscritti da Angioletta Triscari Giaccuco e da un altro soggetto. Ma le firme di quest'ultimo, «risultano significativamente difformi l'una dall'altra». Altra anomalia riguarda i canoni di locazione a cui i Pruiti avrebbero ottenuto i terreni, considerati nella maggior parte dei casi «fuori mercato», perché troppo bassi. Ad esempio un contratto di affitto, registrato a Sant'Agata di Militello nel 2008 a favore della compagna di Pruiti, per 66 ettari, veniva siglato per 400 euro annui, contro un prezzo medio di mercato compreso tra 6.660 e 13.200 euro (stando ai dati statistici forniti dall'Istituto nazionale di economia agraria). L'Agea, attraverso il suo direttore Gabriele Pagliardini, loda l'operato della Dia e precisa che «sono in fase di attuazione progetti innovativi che saranno presto in grado di rendere il sistema dell’erogazione degli aiuti più sicuro, semplice e trasparente, in grado di bloccare tempestivamente tentativi illeciti in qualsiasi fase dei procedimenti».

Nel decreto di sequestro finiscono non solo le somme europee indebitamente percepite, ma anche beni mobili e immobili riconducibili alla famiglia del boss. E questo poiché i giudici ritengono che i beni rappresentino «il reimpiego dei proventi di attività illecite», tesi sostenuta anche dalla «sperequazione tra il tenore di vita e l’entità dei redditi apparenti o dichiarati». In merito poi ai beni intestati al coniuge o ai figli, l'ipotesi è di intestazione fittizia in quanto pienamente a disposizione di Pruiti. 

I sigilli sono stati posti inoltre all'impresa individuale Triscari Giacucco Angioletta, con sede a Cesarò, e all'80 per cento della società semplice denominata Marina S:S di Triscari Giacucco Angioletta&C. Sequestrata anche la metà della proprietà di diversi terreni nelle contrade Pitriulli, Casazza, Porrazzitto, Marchietta, Linera Vallonazzo e Pozzo di Zoppo, intestati sempre alla convivente di Pruiti, un fabbricato e un magazzino. Oggetto del provvedimento anche un appartamento a Catania, in via Asmara, il cui usufrutto è della figlia Martina. Fermate, infine, anche un'auto Volkswagen Scirocco, un motociclo Piaggio 125 e una Fiat 500 e tutti i rapporti finanziari legati alla famiglia dell'ergastolano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×