Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ragusa, M5s sospende una propria consigliera
«Cittadini traditi, il Movimento si è fatto casta»

Maria Rosa Marabita, ultima entrata nel civico consesso, da mesi criticava la giunta Piccitto, accusandola di non essere in grado di mantenere le promesse. Oggi è stata sospesa dal collegio dei probiviri. «Avevamo promesso di ridurre le tasse e invece sono alte, nonostante i soldi del petrolio», dichiara a MeridioNews

Simone Olivelli

«Il collegio dei probiviri ha sospeso la consigliera in seguito alle dichiarazioni rilasciate nel corso del consiglio comunale». Poche parole per ufficializzare quello che nel capoluogo ibleo ci si attendeva da giorni, dopo che una delle portavoci pentastellate aveva attaccato pesantemente la giunta guidata dal sindaco Federico Piccitto. Si tratta di Maria Rosa Marabita, entrata nel civico consesso a settembre dopo le dimissioni di un collega. 

Marabita, nei mesi scorsi, aveva preso posizioni dure contro l'amministrazione, accusando primo cittadino e assessori di aver tradito i principi fondanti del movimento di Beppe Grillo. Oggi è arrivata la censura del partito, che ha deciso di sospenderla per un anno. «La notizia me la sta dando lei, ci rimango male e non mi pare giusto - dichiara al telefono Marabita -. Io non ho fatto nulla, se non dire la verità, ovvero che a Ragusa abbiamo preso in giro la gente». L'attacco è subito dopo motivato da un elenco di promesse che, a detta della consigliera, sarebbero state disattese. «Abbiamo un programma elettorale che è rimasto nel cassetto - prosegue -. Parlavamo di ridurre le tasse, di migliorare i trasporti, praticamente di ritrovarci con una città svizzera e invece nulla di ciò è stato fatto».

Marabita si concentra poi sulla questione tributaria. «Si continuano a tenere le tasse alte, nonostante abbiamo i proventi delle royalties sul petrolio», sottolinea la consigliera. Che poi, quando le si chiede, cosa ha intenzione di fare nel prossimo futuro risponde senza mezzi termini. «Io sono nata cinquestelle, mi sono avvicinata al Movimento quando era appena nato e continuo a sentirlo mio». Una battuta, infine, sul comportamento della giunta nei confronti dei cittadini. «Se sono diventati casta? Mi spiace dirlo, ma è così», conclude.

Recentemente, a spalleggiare le posizioni oltranziste di Marabita, era stato il meetup RagusAttiva 5 stelle. «Appare sempre più evidente come i componenti del governo comunale abbiano imparato a fare i furbi, senza però avere le qualità per fare i furbi, diventando così inevitabilmente ridicoli», si leggeva in una nota. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×