Foto di: pagina facebook Trapani Calcio

Trapani, l’anno nuovo comincia col sorriso
Coronado e Maracchi stendono il Novara

Luca Di Noto

Sport – Per i granata si tratta del secondo successo stagionale: dopo lo svantaggio firmato da Galabinov, i siciliani compiono la rimonta. Le pagelle: bene Pigliacelli e Kresic, stupisce Maracchi. Per Coronado la solita conferma

Parte bene il 2017 del Trapani, capace di imporsi per 2-1 in rimonta sul Novara. Per i granata si tratta della seconda vittoria stagionale, con la zona salvezza che dista ancora otto punti. La prima grande occasione arriva sugli sviluppi di un corner, con Fazio fermato da Da Costa in uscita. Al quarto d’ora occasione per gli ospiti, con Casarini che prova il tiro a giro, aiutato dal vento a favore, ma la conclusione esce di un soffio. La gara vive di fiammate, come quella che dieci minuti dopo porta Coronado al tiro da fuori, ma la palla termina alta. Al 38’, al primo vero e proprio tiro in porta, i piemontesi passano: sugli sviluppi di un corner, il pallone finisce a Galabinov che da fuori con il mancino fulmina Pigliacelli. Cinque minuti dopo, rigore per il Trapani per un fallo di mano di Troest, sul dischetto va Coronado che non sbaglia. Novara ancora pericoloso prima dell’intervallo con Galabinov, ma Pigliacelli devia fuori. In avvio di ripresa, il Trapani passa in vantaggio: cross di Nizzetto dalla sinistra, inserimento con i tempi giusti di Maracchi che di testa mette dentro. Il Novara prova a rispondere subito, i granata in qualche modo si salvano. Per i padroni di casa ci prova Citro, il cui sinistro è messo in angolo da Da Costa. La gara è nettamente più vivace e il Trapani piano piano legittima il vantaggio. Al 75’, Citro sciupa una grande occasione dopo un erroraccio della difesa ospite; subito dopo, occasione per Pagliarulo di testa, ma Da Costa respinge in corner. Cinque minuti dopo, i siciliani sfiorano il colpo del ko con Kresic, la cui incornata si stampa sul palo. Nel finale, forcing del Novara, ma il Trapani resiste e conquista tre punti meritati.

LE PAGELLE

Pigliacelli 7 Non può nulla sul sinistro di Galabinov da fuori che lo fulmina. Il portiere però dimostra sicurezza tra i pali, infondendola anche a tutto il reparto arretrato. Compie una grande parata nel secondo tempo.

Fazio 6,5 Nel primo tempo è il più pericoloso tra i suoi: sciupa una buona occasione in avvio, poi si conquista il rigore prima dell’intervallo. Nella ripresa cala un po’, ma fortunatamente cresce tutta la squadra.

Pagliarulo 6,5 Sicuro, puntuale e sempre pronto. Il capitano è tornato e lo dimostra bene impedendo ai vari Galabinov e Sansone di rendersi troppo pericolosi. A rendersi pericoloso è invece proprio lui, che impegna Da Costa con un colpo di testa.

Kresic 7 La sicurezza, la maturità e i giusti movimenti con cui gioca, inducono a chiedersi perché finora non sia stato impegato più spesso. Dietro non sbaglia nulla, in avanti nel finale sfiora la terza rete, con un colpo di testa che si stampa sul palo.

Visconti 6 Sulla fascia di sua competenza si sviluppano pochissime azioni di gioco, che siano in fase offensiva oppure in fase difensiva. Bravo a farsi trovare pronto quando serve.

Nizzetto 6,5 Il suo piede è sempre caldo, pericoloso con i suoi inserimenti, ma lo è ancora di più con i suoi cross. Difficile per gli avversari fermarlo, su uno dei suoi traversoni arriva il gol decisivo di Maracchi.

Rossi 6 Sicuramente il fatto di essere rimasto svincolato per diversi mesi non lo aiuta. Deve ancora riprendere confidenza con il ritmo partita, ma i movimenti sono indubbiamente quelli di un giocatore che ci sa fare. Dal 90’ Legittimo s.v. Pochissimi minuti in campo per lui.

Maracchi 7 Dopo un primo tempo in cui annaspa un po’, alternando cose buone ad altre meno buone, in avvio di ripresa riesce a bagnare il suo esordio in granata e in cadetteria con un gol pesantissimo che vale tre punti fondamentali.

Barillà 6 Prova senza infamia e senza lode per il numero 17 granata che pur provandoci non riesce a lasciare il segno. Tenta più volte il tiro da fuori, ma spesso viene murato. Sempre utile, però, ai fini della manovra.

Coronado 7 Ancora una volta, con la sua velocità e i suoi spunti è uno dei migliori in campo, continua spina nel fianco per gli avversari. Si assume la responsabilità di calciare il rigore e regala ai suoi il pari. Dal 73’ Canotto 6 Poco meno di venti minuti per lui, che prova a rendersi pericoloso con la sua imprevedibilità. Viene ammonito per una simulazione evitabile.

Citro 6 L’attaccante granata merita la sufficienza, quantomeno per aver provato più volte a impensierire Da Costa. Non è mai troppo pericoloso, ma anche lui è sempre presente lì davanti e dialoga bene con Coronado. Dal 93’ Curiale s.v. Esordio stagionale per l’attaccante, fino a poco tempo fa fuori rosa.

Calori 7 Il tecnico ha il grande merito di continuare a credere nei suoi e di mettere in campo una formazione con diverse novità, ma soprattutto con idee ben precise. Per lui si tratta del primo successo in granata, adesso la speranza è che non ci si fermi qui.

Novara: Da Costa 6,5, Troest 5, Mantovani 5,5, Scognamiglio 5,5 (71’ Macheda 5,5), Dickmann 5,5, Kupisz 5,5 (88’ Di Mariano s.v.), Viola 5 (81’ Bolzoni s.v.), Casarini 6, Calderoni 6, Sansone 5, Galabinov 6,5. All. Boscaglia 5,5.