Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Appalti, Corte Costituzionale boccia la legge siciliana
«Non può essere difforme dalla normativa nazionale»

Le novità introdotte dall'Assemblea regionale siciliana miravano a limitare le aggiudicazioni con ribasso d'asta, introducendo un meccanismo di media aritmetica delle offerte con l'esclusione di quelle che superano questa media di oltre il 10 per cento. Norma che era stata impugnata dalla Presidenza del Consiglio

Redazione

Foto di: GASPARE INGARGIOLA

Foto di: GASPARE INGARGIOLA

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittime, perché difformi dalla normativa nazionale fissata nel Codice degli appalti, alcune norme contenute nella legge della Regione Sicilia 12/2011 - aggiornata nel luglio del 2015 - in materia di appalti

Le novità introdotte dall'Assemblea regionale siciliana miravano a limitare le aggiudicazioni con ribasso d'asta, introducendo un meccanismo di media aritmetica delle offerte con l'esclusione di quelle che superano questa media di oltre il 10 per cento. Così facendo si sarebbe voluto anche prevenire il rischio di infiltrazioni mafiose negli appalti. La norma è stata impugnata dalla presidenza del Consiglio, sulla base del fatto che «la materia della tutela della concorrenza è esclusivamente di competenza legislativa dello Stato». Adesso la Corte Costituzionale ha dato ragione a Roma. 

Mentre il codice nazionale, si legge nella sentenza redatta dal giudice Giancarlo Coraggio, «fissa direttamente un articolato procedimento in contraddittorio con le imprese che hanno presentato offerte anormalmente basse, indica i criteri di verifica di tali offerte e gli strumenti di rilevazione della congruità dei prezzi, affidandone la conseguente ponderazione alle stazioni appaltanti, la disposizione regionale impugnata demanda a un decreto assessoriale l'individuazione di non meglio specificate modalità di verifica per la congruità dell'offerta». La sentenza specifica inoltre che la decisione della Corte non determina alcun vuoto normativo, dal momento che valgono le disposizioni del Codice appalti nazionale.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×