Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, gli schermi per tradurre tragedie greche
La proposta divide. Magelli: «Soluzione arretrata»

«Solo il 4% di pubblico non italiano assiste alle rappresentazioni classiche». Partendo da qui il commissario della Fondazione Inda è intenzionato a usare i sottotitoli. L'ex direttore artistico Magelli contrario: «Sarebbe facilissimo mettere le traduzioni sul sito e scaricarle sul telefono nella lingua desiderata»

Concetta Purrazza

«Appena il 4-5 per cento di pubblico non italiano assiste al ciclo di rappresentazioni classiche nel teatro greco di Siracusa». È il dato da cui è partito il commissario straordinario della Fondazione Inda (Istituto nazionale del dramma antico), Pier Francesco Pinelli, che è intenzionato a incrementare il numero degli spettatori stranieri e dare l'opportunità a chi non parla italiano di cogliere tutti i momenti della messa in scena. 

Per farlo lancia una sfida: l'introduzione della traduzione nel corso degli spettacoli. «In alternativa all’utilizzo degli auricolari - spiega - stiamo studiando la possibilità di posizionare due schermi laterali, di limitate dimensioni, attraverso i quali offrire l'opportunità a chi lo volesse, di poter leggere il testo». Una posizione che non trova tutti d'accordo. A cominciare dal regista Paolo Magelli, che ha firmato la regia della Medea di Seneca nell'ultima edizione delle tragedia. «È una soluzione esteticamente inaccettabile e anche molto arretrata», afferma. 

Per il commissario straordinario invece si tratta di «un'innovazione già messa in atto, con successo, per la stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma nel sito archeologico delle terme di Caracalla» che non potrà essere applicata, avverte «senza l'approvazione della Sovrintendenza ai Beni culturali». L'obiettivo è quello di fornire adeguati strumenti di comprensione a un pubblico più vasto dato che il ciclo di rappresentazioni classiche è il principale attrattore culturale della Sicilia. «A confermarlo - sostiene Pinelli - sono i dati che mostrano un aumento della platea del 4 per cento nel 2016 e del 34 per cento negli ultimi dieci anni».

La proposta che ha diviso gli amanti delle tragedia, ma anche chi le rappresentazioni classiche le ha messe in scena. Secondo la visione del regista Magelli, studioso di teatro e direttore artistico di fama internazionale, «in tutti i grandi teatri europei, per i festival con compagnie ospiti da tutto il mondo, esiste la traduzione simultanea in cuffia e, generalmente, sono i giovani attori delle scuole di teatro a occuparsene». E se la risposta al problema esposto da Pinelli fosse più semplice di quanto di pensi? È lo stesso Magelli che dà un suggerimento: «Ormai è facilissimo mettere le traduzioni sul sito e scaricarle sul telefono nella lingua desiderata. Con la distribuzione delle cuffie che costano circa due euro, il gioco è fatto», conclude.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×